I film sentimentali, e non parliamo di sdolcinati film romantici conditi di melassa e zucchero filato, ma di film che generano sentimento, emozioni. Perché ci piacciono? O per meglio dire, cosa di loro ci attira da volerli vedere e rivedere a volte?

film-sentimentali-perche-ci-emozionano

Film Sentimentali – Perché ci piacciono?

I film sentimentali ci piacciono perché con il loro fare generano emozioni che nel nostro quotidiano non proviamo spesso, ma grazie alle nostre doti “empatiche” riusciamo a provare mediante il film (se il film è all’altezza).

Tali film ci attirano anche perché si attraversano sfere emozionali che in quel momento possono aggradarci e sollevarci il morale, od in cui ci identifichiamo in quel dato momento. Ad esempio, guardare un film sentimentale che parla di successi dopo innumerevoli sacrifici come “la ricerca della felicità”, può metterci una sorta di tristezza per la situazione del protagonista, ma al contempo può darci molto sollievo e gioia quando lo stesso protagonista riesce nel suo intento. Ma anche la tristezza in quel frangente è servita per dare maggior soddisfazione e gioia nella fase conclusiva del film ed aumentare il “climax” emozionale.

Ognuno di noi ha il suo genere e prova emozioni differenti a seconda delle proprie esperienze.

Film Sentimentali – Perché piangiamo?

Piangiamo proprio per quanto detto prima, cioè l’empatia, ossia:

“L’empatia è la capacità di comprendere a pieno lo stato d’animo altrui, sia che si tratti di gioia, che di dolore. Empatia significa “sentire dentro”, ad esempio “mettersi nei panni dell’altro”, ed è una capacità che fa parte dell’esperienza umana ed animale.” Cit. Wikipedia

Quindi se vediamo un film sentimentale, drammatico, divertente, o ancora Horror che suscita delle emozioni forti, siamo indotti a provarle personalmente tramite questo fenomeno ed a piangere, ridere e sentire fluire nel nostro corpo emozioni come ansia, afflizione, immenso piacere/contentezza o rabbia. Emozioni che non avevamo messo in programma e che come detto in precedenza, nel quotidiano non proviamo spesso.

Un film riesce a fare questo con l’atmosfera, la buona recitazione degli attori ed una storia che ci colpisce in ogni suo aspetto.

Ma una buona parte del provare l’emozione e “piangere” o almeno lacrimare (famoso è il meme sui social “Feel Time”), proviene dalla nostra sensibilità. Quanto più si è sensibili a certe situazioni quanto più risentiamo delle emozioni trasmesse dal video/film che stiamo vedendo.

Allo stesso modo, quanto più si è esposti ad un dato sentimento mediante un’azione/evento, tanto più si diventa insensibili a tale emozione per quell’evento ed il limite da superare per provare una emozione soddisfacente aumenta. Un esempio pratico sono i TG che al giorno d’oggi mostrano scene cruente di bombardamenti ed omicidi che quasi sempre noi visualizziamo senza battere ciglio, proprio per un fatto di abitudine a quel “format”.